NEWS‎ > ‎

Comunicazione del datore nel licenziamento collettivo

Corte di Cassazione, sentenza 18/03/2011, n. 6285

 

 

Con la sentenza in oggetto la  Suprema Corte ritiene che nelle procedure di licenziamento collettivo le comunicazioni di recesso ad opera del datore di lavoro ai competenti uffici e ai sindacati, nonché al lavoratore, richieste a pena di inefficienza del licenziamento, devono essere necessariamente effettuate in contemporanea.

 

La mancata comunicazione in questione vale ad escludere l’inefficacia del licenziamento solo se dovuta a giustificati motivi oggettivi da comprovare da parte del datore di lavoro.

Comments